Duo pianistico Schiavo – Marchegiani

Johannes Brahms: le danze ungheresi

Abbonamento MantovaMusica e Arti.Co
Teatro Bibiena, ore 17

Programma

Johannes brahms (1833 - 1897)
Danze Ungheresi 1-21
n. 1 in Sol minore: Allegro molto
n. 2 in Re minore: Allegro non assai
n. 3 in Fa maggiore: Allegretto
n. 4 in Fa minore: Poco sostenuto
n. 5 in Fa diesis minore: Allegro
n. 6 in Re bemolle maggiore: Vivace
n. 7 in La maggiore: Allegretto
n. 8 in La minore: Presto
n. 9 in Mi minore: Allegro non troppo
n. 10 in Mi maggiore: Presto
n. 11 in Re minore: Poco andante
n. 12 in Re minore: Presto
n. 13 in Re maggiore: Andantino grazioso n. 14 in Re minore: Un poco andante
n. 15 in Si bemolle maggiore: Allegretto grazioso
n. 16 in Fa minore: Con moto
n. 17 in Fa diesis minore: Andantino n. 18 in Re maggiore: Molto vivace n. 19 in Si minore: Allegretto
n. 20 in Mi minore: Poco allegretto n. 21 in Mi minore: Vivace

Le 21 Danze Ungheresi, scritte originariamente per pianoforte a quattro mani, furono composte da Brahms tra il 1852 e il 1869, in un periodo che perciò abbraccia ben 17 anni. In seguito all’enorme successo che ottennero, furono immediato oggetto delle più svariate trascrizioni. Celebri soprattutto le versioni per orchestra, tre delle quali (Danze n. 1, 3 e 10) furono realizzate dallo stesso Brahms; le altre trasposizioni orchestrali furono curate da diversi compositori tra cui Dvo- rak. Sono opere di straordinaria brillantezza e vivacità inventiva che sotto la loro fresca immediatezza nascondono un ra natissimo studio armonico e timbrico.
Al pari di molti musicisti dell’epoca romantica, in particolare tedeschi, Brahms nutrì sempre un interesse per la musica popolare ungherese. Ma, come per le Rapsodie di Liszt, venne a crearsi un equivoco: le Danze di Brahms dovrebbero infatti intitolarsi “zigane” piuttosto che “unghe- resi”. Fino all’inizio del ‘900, infatti, l’autentica musica magiara, di estrazione contadina, era completamente sconosciuta: saranno Bartòk e Kodàly a esplorarne l’immenso patrimonio e a diffonderne la conoscenza. All’epoca di Brahms, invece, la musica popolare ungherese era confusa con quella zigana.